Stemma Regione Emilia Romagna    Regione Emilia Romagna

Normativa

"Impianti di biogas -  D.G.R: n. 1255 del 28/07/2008 (BUR 150 del 27/08/2008): Aspetti della normativa ambientale in relazione agli impianti di biogas di piccola e microgenerazione: primi indirizzi agli Enti locali per uniformare i procedimenti." 
Testo della deliberazione su www.regione.emilia-romagna.it >> Delibere 

"Allevamenti suinicoli - D.G.R. n. 1248 del 28/07/2008 (BUR n. 150 del 27/08/2008): Linee guida per la gestione ed il controllo sanitario dell'allevamento si duini all'aperto. Criteri di biosicurezza." 
Testo della delibera su www.regione.emilia-romagna.it >> Delibere

D.G.R. n. 1138 del 21/07/2008 (BUR n. 148 del 25/08/08): Modifiche ed integrazioni alla DGR 20 maggio 2001 n. 197 "Direttiva per l'applicazione della L.R. 31/10/2000 n. 30, recante Norme per la tutela e la salvaguardia dell'ambiente dall'inquinamento elettromagnetico". 
Testo della Deliberazione su Emilia Romagna >> Delibere 

D.M. n. 37/2008: riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici 
Con il DM n. 37 del 22 gennaio 2008 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 61 del 12 marzo 2008, viene riordinata la normativa sulla sicurezza degli impianti negli edifici. 
Le norme riguardano gli impianti posti al servizio di tutti gli edifici, indipendentemente dalla loro destinazione d'uso. 
Diverse le novità in ordine alla conformità degli impianti soprattutto per gli immobili in vendita. 
Ulteriori informazioni sul sito internet TuttoCamere.it 
(fonte: newsletter Servizio Sviluppo Economico Comune di Faenza n. 4/2008) 

Deliberazione di Giunta Regionale n. 1446/2007 - atto di indirizzo contenente linee applicative per il rilascio del parere integrato ARPA - AUSL nella dichiarazione di inizio attività e nel permesso di costruire. La Giunta regionale ha approvato una delibera che riguarda il parere preventivo integrato per le imprese in caso di ristrutturazioni e costruzioni. La delibera contiene gli indirizzi che dovranno essere applicati dagli Sportelli unici delle attività produttive e dell´edilizia insediati presso i Comuni e prevede una semplificazione delle procedure con il rilascio di un unico parere da parte di Arpa e Ausl. La delibera è stata approvata dopo una 
prima fase di sperimentazione che ha coinvolto la Provincia di Ferrara, il Comune di Carpi, la Comunità montana unione dei Comuni Valle del Samoggia e il Comune di Faenza.
Vedi testo della deliberazione 

(!!) - Decreto Bersani: nuove norme sulle scadenze dei prodotti alimentari - Il Decreto Legge 31 gennaio 2007, n. 7 è stato convertito con modificazioni in Legge 2 aprile 2007, n. 40. In materia di scadenza dei prodotti alimentari, l'art. 4 dispone che l'indicazione del termine minimo di conservazione o della data di scadenza deve essere chiaramente leggibile e indelebile, in un campo visivo di facile individuazione da parte del consumatore. I soggetti tenuti all'apposizione di queste indicazioni si devono adeguare entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto. I prodotti confezionati in data antecedente al 2 aprile 2007 possono essere immessi nel mercato fino allo smaltimento delle scorte. 

(!!) - Decreto Bersani: comunicazione unica in camera di commercio per la nascita di impresa - La Legge 2 aprile 2007 n. 40 di conversione del Decreto Legge 31 gennaio 2007 n.7, dispone, all'art. 9, che ai fini dell'avvio dell'attività d'impresa, l'interessato presenti all'ufficio del Registro delle Imprese, per via telematica o su supporto informatico, la comunicazione unica. Questa comunicazione vale quale assolvimento di tutti gli adempimenti amministrativi previsti ed ha effetto ai fini previdenziali, assistenziali, fiscali, nonché per l'ottenimento del codice fiscale e della partita IVA. La ricevuta costituisce titolo per l'immediato avvio dell'attività imprenditoriale. Con decreto Ministeriale dovrà essere individuato il modello di comunicazione unica. 

(!!) - Decreto Bersani: confermata la liberalizzazione per acconciatori ed estetiste - Il Decreto Legge 31 gennaio 2007 n. 7 è stato convertito, con modificazioni, in Legge 2 aprile 2007 n. 40 e, all'art. 10 dispone che le attività di acconciatore (barbiere-parrucchiere) e l'attività di estetista siano soggette alla sola dichiarazione di inizio attività, da presentare allo Sportello unico per le attività produttive, laddove esiste, o al Comune territorialmente competente. L'apertura di tali attività non possono essere subordinate al rispetto del criterio della distanza minima o di parametri numerici prestabiliti, riferiti alla presenza di altri soggetti svolgenti la medesima attività. Lo stesso decreto supera anche l'obbligo di chiusura infrasettimanale, indipendentemente da quanto disposto dal Comune in materia di orari. (fonte: newsletter Comune di Faenza).
Le principali leggi di agevolazione alla nuova imprenditoria
torna all'inizio del contenuto